DECODE 

ITINERARI

ITINERARI

MAPPA ART CITY NIGHT 2020

Solo gli eventi migliori

Chiara Righi23 Gennaio 2020

Come di consueto, Arte e fiera è accompagnata dalla sua Art City White Night.

La nostra mappa Art City Night 2020 vi condurrà verso gli eventi migliori che sabato 25 Gennaio avranno luogo in centro a Bolonga, consigliati dallo staff di Arte e fiera stessa.

 

Cliccate sui nomi de luoghi elencati qui sotto e google maps porterà a destinazione!

Art city 2020 2

 

1. Palazzo Bentivoglio

Via del Borgo di S. Pietro, 1 – 40126 Bolognasabato 25 gennaio h 10.00-24.00 (ultimo ingresso alle 23.15).

 

Sissi. Vestimenti

 

Vestimenti raccoglie un’ampia selezione di sculture-abito dell’artista Sissi presentate attraverso un progetto installativo pensato appositamente per lo spazio.

sissi

Installazione di Sissi per Palazzo Bentivoglio

 

 

2. Residenza degli Incamminati

Via delle Belle Arti 34 – Bologna

sabato 25 gennaio 2020, aperto dalle 17.00-19.00

 

AER concept for a temporary landscape

 

Primo Piano presenta AER, un progetto installativo di Mauro Pipani concepito per la tre giorni dell’Art City Bologna in occasione di Artefiera, negli spazi di una residenza nel cuore di Bologna. L’esposizione sarà accompagnata, sabato 25, dall’art sound degli Es Nova, collettivo di ricerca musicale.

residenza degli incamminati

AER di Mauro Pipani

 

 

3. Pinacoteca Nazionale di Bologna

Via Belle Arti 23, Bologna

 

Luciano De Vita

 

L’esposizione, curata da Silvia Evangelisti, intende promuovere la figura a tutto tondo di uno degli artisti più interessanti del panorama culturale del secondo dopoguerra italiano: Luciano De Vita. Saranno presenti pitture, sculture, incisioni e quattro libri d’artista: un grande patrimonio che testimonia la straordinaria forza creativa dell’autore.

pinacoteca, luciano de vita, incisione

Incisione di Luciano De Vita

 

 

4. Palazzo Tubertini

Via Oberdan 9

25 gennaio ore 16.00-23.00

                                  

 

JINGGE DONG The Goddess of the Luo River

 

La pittura di Dong è caratterizzata dalla centralità del colore e da una figurazione appena accennata, che, negli ultimi tempi, sta progressivamente dissolvendosi evaporando per la forza incandescente della materia cromatica. The Goddess of the Luo River segna un nuovo corso nella ricerca pittorica di Jingge Dong. È infatti emersa da parte dell’artista l’esigenza di un affrancamento dai modelli visivi fondendo le due culture che hanno fatto parte della sua formazione artistica: quella italiana e quella cinese.

 

Palazzo Tubertini

Jingge Dong

 

5. Musée de l’OHM c/o e Museo Civico Medievale

via Manzoni 4

25 gennaio | 10.00-24.00 domenica

 

Franco Vaccari. Nei Sotterranei

 

Con la mostra “Nei sotterranei” del 1966-67, Franco Vaccari raccontava il mondo dei graffiti intesi come una forma di poesia anonima, la poesia dei muri, della strada. Musée de l’OHM, inaugurato con l’happening di incisione collettiva Significato di Chiara Pergola, condivide con Vaccari l’attenzione alle tracce, ai frammenti espressivi.

Il pubblico verrà coinvolto nell’azione di frottage “Prendi una traccia del tuo passaggio”, proposta da Chiara Pergola come ponte di dialogo con l’opera di Franco Vaccari.

museo medioevale

Nei sotterranei di Franco Vaccari

 

 

6. Fondazione del Monte

Via delle Donzelle, 2 – 40126 Bologna

sabato 25 gennaio h 10.00-24.00

 

3 Body Configuration

 

La mostra, curata da Fabiola Naldi e Maura Pozzati, offre la possibilità di vedere per la prima volta in Italia un’accurata selezione di opere fotografiche di Claude Cahun, una selezione di fotografie di VALIE EXPORT e una riproposizione di un progetto degli anni Novanta di Ottonella Mocellin. Si tratta di protagonisti della Body art caratterizzati da una poetica potente e impietosa.

fondazione del monte

Valie Export

 

 

9. Piazza S. Martino

Sabato 25 dalle 7.30 alle 23.30

 

Tempus Spiritus: mostra personale di Anna Rosati

 

È una personale di fotografia di Anna Rosati, curata da Azzurra Immediato, in cui l’altrove, messo in scena, descrive e sublima la fugace caduta del tempo, nella sua monumentale decadenza. Il ruolo di vita come ‘infinito apparato effimero’ ha generato nell’uomo la necessità di costruire architetture e simbologie atte a accogliere e trattenere ciò che passa, inafferrabilmente.

Tempus Spiritus

Anna Rosati 

 

 

8. Palazzo Re Enzo

Piazza del Nettuno

dalle 21.00 del 25 gennaio alle 2.00 del 26 gennaio

 

ROBOT ART NIGHT

 

ROBOT ART NIGHT è un Festival dedicato alla musica elettronica e alle arti digitali nato a Bologna nel 2008.

In più di un decennio, ROBOT ha portato nel capoluogo emiliano dj e produttori internazionali.

Palazzo Re Enzo

Piazza del Nettuno durante la Robot Night festival

 

 

 9. Galleria del Leone, Fineco Bank


via Rizzoli 9, Bologna

sabato 25 gennaio ore 18.00-24.00

 

Mostra personale di Simona Ragazzi. Al centro dell’esposizione opere pittoriche, fotografiche, scultoree e un video per creare un percorso soggettivo con l’intento di indagare sull’eterno tema della trasmutazione, dello scorrere del tempo e dell’immortalità.

Più di 20 opere e una video proiezione saranno allestite nei rinnovati ambienti del palazzo come poesie silenziose, meravigliose farfalle, reticoli della memoria per indurre lo spettatore a meditare sui valori legati al tempo, alla trasformazione come rinascita del sè.

fineco bank

Simona Ragazzi

 

 

 

10. Canetoli 1850

Via Sampieri 1

Sabato 25 in occasione di Art City White Night rimarremo aperti fino alle 21.30

 

FACTORY per Canetoli

 

FACTORY PER CANETOLI In occasione di Arte Fiera 2020, lo showroom Canetoli 1850 ospiterà una mostra collettiva di giovani artisti. Il leitmotiv dell’esposizione sarà dunque quello dell’accostamento di opere d’arte, spesso molto diverse tra loro, e ricercati oggetti di design, in un dialogo simbolico in cui arti “maggiori” si incontrano e scontrano con le cosiddette “arti minori”. A Richard Blackstar, Mirco Campioni, Alessandro Ferrini Avanzini, Hermione Stavros, Claudia Tamponi sarà affidato il compito di innescare un processo di armonizzazione con l’ambiente.

canetoli

 

 

 

 

 

11. Galleria Fondantico

Via de’ Pepoli, 6/E, Bologna

Sabato 25 gennaio 17.00-24.00

 

Pirro Cuniberti|Giuseppe Ferrari. Omaggio a due grandi maestri del Novecento bolognese

 

Un’occasione unica, per ammirare il lavoro di due artisti coevi ma differenti nel loro modo di interpretare la pittura. Con questa mostra composta da circa 100 opere, la galleria come sempre vuole celebrare gli artisti bolognesi, che con tematiche e elementi creativi diversi hanno reso significativo il nostro patrimonio artistico.

giuseppe ferrari

Opera di Giuseppe Ferrari

 

 

 

12. Galleria ONO arte contemporanea

Via Santa Margherita 10, Bologna

 

 

Chernobyl: l’ombra lunga. Fotografie di Gerd Ludwig

 

Gerd Ludwig è stato più volte a Chernobyl per testimoniare il disastro. Il suo è un occhio quasi poetico che ci permette di cogliere, spesso in un’unica immagine, diversi elementi: la fragilità della vita umana (le ripercussioni del disastro sono evidenti sui corpi anche dei bambini nati oggi), dell’ambiente in cui viviamo.

La mostra si compone di 14 fotografie scattate all’interno e all’esterno della centrale di Chernobyl. Si tratta della presentazione di un progetto di più ampio respiro sulla fragilità del mondo in cui viviamo e sullo sfruttamento delle risorse energetiche che sfocerà in una ampia mostra personale di Gerd Ludwig che si terrà nel 2020 in una importante sede museale italiana.

ONO galleria

Gerd Ludwig

 

 

 

13. Labs Gallery Arte Contemporanea

Via Santo Stefano 38

 

 

Partiture Illeggibili

 

Partiture illegibili è un progetto a cura di Angela Madesani che si compone di due mostre. Le due mostre presentano un dialogo sul segno attraverso i lavori di tre artiste storiche e tre contemporanee. Si tratta di artiste con percorsi assai diversi, riunite dalla curatrice in occasione della mostra sia da un punto di vista della tematica affrontata, che da quello della procedura dell’operare, intesa come esercizio quotidiano che coinvolge mente e corpo.

labs gallery

Opere di Angela Madesani

 

 

 

14. Giardino delle arti di Fondazione Zucchelli

Vicolo Malgrado 3, Bologna

sabato 25 gennaio ore 12.00-21.00

 

Arte e mondo

 

Mostra collettiva a cura di Carmen Lorenzetti promossa in collaborazione con Accademia di Belle Arti di Bologna con opere dei vincitori del Concorso Zucchelli 2019: Xia Shafei, Alessandra Carta, Francis Offman, Angela Grigolato, Jacopo Naccarato e Vale Palmi.

fondazione zucchelli

 

 

 

15. Stazione ei treni, Hall Alta Velocità

Piazza delle Medaglie d’Oro

sabato 25 gennaio ore 6.00-23.30

 

Morestalgia: installazione di Riccardo Benassi

 

Un ambiente composto da testosuono oggetti che ha come cuore pulsante uno schermo led penetrabile dal corpo umano. Questo oggetto di iper-design nasce da una ricerca sul sentimento della nostalgia e le sue implicazioni sociali alla luce dell’ingresso di internet nelle nostre vite.

Morestalgia

Installazione di Riccardo Benassi


due note sull'autore di questo articolo / intanto commenta e seguici sui social ...

Chiara
Punk di formazione, da sempre si occupa di arte contemporanea e controculture.
  • OSSERVATORIO DECODE

    Recenti

    Collettivo Wu Ming

    Decoder

    Anno di pubblicazione / 1989

    Autore /

    Archiviato in (subcat)