DECODE 

archivio_decode

Archivio Decode

Manifesto del signor antipyrine

Chiara Righi29 marzo 2018

Tristan Tzara

(1916)

 

DADÀ è la nostra intensità: che inasta baionette inoffensive la testa sumatrale del poppante tedesco; Dadà è la vita priva di pantofole e di parallele; pro e contro l’unità e risolutamente contro il futuro; il buonsenso ci dice che i nostri cervelli diventeranno soffici cuscini, che il nostro antidogmatismo è estremista quanto un impiegato e che noi siamo liberi e vociferiamo di libertà. Imperativo rigoroso senza disciplina né morale e sputiamo sull’umanità.

DADÀ non esce dall’ambito delle debolezze europee sempre di merda si tratta ma da ora in poi noi vogliamo cacare in colori diversi per decorare il giardino zoologico dell’arte con le bandiere di tuutii i consolati.

Noi siamo i direttori di circo e sibiliamo nel vento delle fiere nei conventi prostituzioni teatri realtà sentimenti trattorie HoHi-HoHo Bang Bang.

Noi affermiamo che l’automobile è un sentimento che ci ha sufficientemente cullato ormai nelle lungaggini delle sue astrazioni così come i transatlantici e i rumori delle idee. Tuttavia noi esteriorizziamo la facilità, cerchiamo l’essenziale e siamo felici se possiamo nasconderlo; non vogliamo stare a contare le finestre degli ospedali eletti perché DADÀ non c’è per nessuno, devono capirlo tutti perché questo è il bancone di Dadà, ve lo assicuro. È di lì che si possono sentire le fanfare e che si può scendere tagliando l’aria come un serafino in un albergo diurno per pisciare e capire la parabola.

DADÀ non è follia né saggezza né ironia, guardami bene borghese bellino.

L’arte era un gioco nocciola i bambini mettevano insieme le parole che hanno un campanello nella coda poi piangevano e urlavano la strofa, e le mettevano stivaletti da bambola e la strofa diventò sirena per morire un po’ e la sirena divenne balena e i bambini via dalla scena

Poi vennero i grandi Ambasciatori del Sentimento e pronunciarono una storica arringa in coro

Psicologia Psicologia hihi

Scienza Scienza Scienza

viva la Francia e la Provenza;

noi non siamo di malizia privi

noi siamo successivi

noi siam assolutisti

noi non siam semplicisti

ed è la nostra scienza parlar d’intelligenza.

Ma noi DADÀ non siamo del loro parere perché l’arte non è una cosa seria dico sul serio e se segnaliamo un delitto per dire in forma erudita ventilatore, è solo per farvi piacere miei cari ascoltatori, vi amo tanto ve lo giuro e vi adoro.

 


commenti momentaneamente disabilitati / intanto commenta e seguici sui social ...

Chiara
Punk di formazione, da sempre si occupa di arte contemporanea e controculture.

OSSERVATORIO DECODE

Recenti

Collettivo Wu Ming

Decoder

Anno di pubblicazione / 1989

Autore /

Archiviato in (subcat)